12 regole per prevenire e controllare il mal di mare

14 dicembre 2014
Comments off
4173 Views

Se non sei tra i pochi fortunati che possono fare una revisione completa del Volvo Penta stando con la testa nel vano motore per 4 ore con un forza 7, allora conosci quanto possa essere fastidioso il mal di mare.

E’ un malessere che si manifesta in modo diverso da individuo a individuo e che può creare seri problemi alla navigazione non ultimo perché può mettere fuori uso una parte importante dell’equipaggio in condizioni di mare perlopiù complicate.

Il mal di mare affligge il 75% di chi regolarmente va in barca e crediamo che uno o più dei seguenti accorgimenti possano essere veramente utili:

1- Guardare l’orizzonte. Il più semplice dei consigli che normalmente viene dato in barca, aiuta a riassettare l’equilibrio.

2- Restare in coperta. Non scendere sottocoperta ma restare all’aria fresca il più possibile.

3- Posizionarsi al centro barca. Per minimizzare le oscillazioni è consigliabile trovare una posizione il più possibile vicina al centro della barca. Qui, il rollio e il beccheggio della barca è molto ridotto rispetto all’estrema prua o poppa o alla falchetta.

4- Cercare di non leggere od usare il binocolo a lungo. Mettere a fuoco oggetti vicini o guardare nel binocolo per lunghi periodi può mettere in confusione il cervello, inasprendo il mal di mare. Molto meglio tenersi impegnati in attività che prevedano di tenere lo sguardo alto.

5- Assumere medicinali contro il mal di mare. I più utilizzati sono quelli a base di scopolamina, prometazina e dimenidrinato. Vanno assunti da due ore a mezz’ora prima di partire. Possono essere assunti in pastiglie, gomme da masticare, cerotti da applicare dietro l’orecchio. La principale controindicazione di questi rimedi è la sonnolenza che può diventare un problema nel caso la conduzione della barca, in relazione alle condizioni del mare e al tipo di navigazione svolta, richieda una rapida capacià di reazione. Si consiglia di consultare il medico prima di utilizzare medicinali in caso di gravidanza, malattie, sensibilità specifiche o per i bambini. Attenzione a toccare i cerotti con le mani, le sostanze di cui sono imbevuti possono creare danni agli occhi.

6- Utilizzare bracciali specifici. Utilizzare bracciali specifici per il mal di mare/auto può veramente risolvere il problema. Esistono di tipo magnetico o a pressione ed è sufficiente indossarli perché la leggera pressione esercitata o l’azione del magnete in un punto preciso del braccio (vicino al polso) prevenga l’insorgere dei sintomi.

7- Agopuntura. Alcuni velisti intraprendenti si destreggiano con sottili aghi da agopuntura che possono ridurre drasticamente i sintomi del mal di mare ma occhio alla mira, non è facile destreggiarsi su una barca in continuo movimento.

8- Bere Cocacola. Bevande gassate dipo gassosa o meglio, Cocacola possono aiutare a far passare il mal di mare.

9- Ginger. Mangiare radice di zenzero è un rimedio naturale e spesso efficace.

10- Mangiare asciutto. Ingerire solo cibo secco e salato può aiutare a stabilizzare lo stomaco limitando il  mal di mare. Pane con acciuga dissalata, o anche solo qualche cracker possono essere una mano santa. Evitare cibi grassi.

11- Non ingerire latticini, succo d’arancia, caffè. Possono essere controproducenti dando acidità di stomaco.

12- Controllare la temperatura corporea. Troppo freddo o troppo caldo possono  generare l’insorgere del mal di mare. Vestirsi a cipolla e togliere e aggiungere indumenti alla bisogna senza aspettare troppo è sempre una buona regola.

Un singolo rimedio per il mal di mare universalmente valido non è stato ancora individuato, ma tra quelli elencati vi può essere la soluzione al fastidioso malessere. Una regola abbastanza sicura è navigare molto. Spesso il mal di mare si attenua fino a scomparire dopo le 48-72 ore di navigazione. per cui: navigare, navigare, navigare!!!

 

I commenti sono chiusi.