Astuzie a Bordo " Un romanzo che è durato un secondo "

Discussione in 'Navigazione, Arte Marinara, Astuzie a Bordo' iniziata da gianfrancomalfatti, 25 Dicembre 2016.

  1. gianfrancomalfatti

    gianfrancomalfatti Primo ufficiale, relatore

    =(Io) :

    "ciao davide , col mio dehlerino armo sempre randa e fiocco in avamporto , a viareggio ,dove non ho il fastidio della piu piccola onda ( di solito esco da solo); giovedi scorso , lascio il timone ad uno dei due amici che erano con me: dovevamo fare un uscitina a motore perche' non c'era vento; motore al minimo, appena siamo in bocchetta si sente una lieve brezzettina che invoglia; prendo il sacco del fiocchetto e vado a prua per ingarrocciarlo; lego il sacco alle draglie, e comincio l'operazione; la barca, con velocita' ridottissima incontra un treno di onde ripide (mare in scaduta) ; mi prendono in po' di sorpresa mentre opero, la prua si alza e si abbassa rapidamente , mi butta in aria ,piu' volte: forse perdo la presa , perdo un appiglio sicuro , perdo equilibrio , perche' vado su e giu, sbattuto, cosi, metto le mani avanti per non finire con il corpo e la faccia in coperta : il dito della mano si e' trovato in posizione perpendicolare alla coperta, prende una botta tremenda..... dolore ... ma usciamo dalla bocchetta dove le onde erano piu ripide;
    dato un po' di giri al motore, ingarroccio il fiocco , isso randa e fiocco e ci si gode finalmente un po' di bordi; ieri in ospedale ; diagnosi di frattura trasversale prima falange : avevo sbattuto anche spalla e avambraccio destri, ma senza rotture, solo indolenzimento;

    errori:-

    1-issare fiocco in bocchetta

    2-barca troppo lenta con questo tipo di onde

    3-distrazione : non dovevo fidarmi del timoniere che non conosceva le reazioni della barca

    4-aspettare a issare il fiocco ( cento metri piu avanti la situazione era migliore)

    5-fidarsi mai neanche nelle situazioni tranquille ( il pericolo e' sempre in agguato, e qui la situazione era sin troppo tranquilla)

    .... 6-
    ...7-...
    esco quasi sempre da solo con condizioni di vento e di mare, 90 volte su cento , piu impegnative di questa; mai avuto problemi; il dehlerino ha tutte le manovre rinviate in pozzetto: anche le due mani di terzaroli si prendono in pozzetto, da soli, senza abbandonare il timone, anche senza pilota automatico; e' un gioiellino, va con pochissimo vento, sbanda subito come una deriva, sotto raffica , ma e' allo stesso tempo gestibile e docile
    ciao davide buon vento"

    =(Davide) :

    "Cavoli che storia..
    Secondo me dovresti postarla su ... .... Se non fosse che mi dispiace per il tuo dito mi sembra un rimanzo :)0"

    =(Io) :
    "un romanzo che è durato un secondo "

    =(davide) :
    "Ma descritto con dovizia "
     
  2. fabiseb

    fabiseb Comandante , scrittore di romanzi di mare

    cioè ti sei rotto lu dito ? :(
     
    A gianfrancomalfatti piace questo elemento.
  3. Ettore

    Ettore Allievo Ufficiale, redattore del diario di bordo

    Gianfranco sei unico! Mi dispiace per il dito......
     
    A gianfrancomalfatti piace questo elemento.

Condividi questa Pagina