A Basso pescaggio.

Discussione in 'Letture Consigliate' iniziata da paddy, 27 Maggio 2015.

  1. paddy

    paddy Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    Volevo condividere anche con voi questa divertente esperienza nata da una comunità virtuale.

    Questo sarebbe il titolo.

    A Basso pescaggio.
    Ridossi, approdi e rade.
    Appunti per la crociera
    costiera con piccole barche

    ... e questa la prima parte dell'introduzione

    Questo lavoro nasce dalla collaborazione di molti marinai che con le loro piccole barche hanno visitato la Croazia e hanno contribuito a proporre consigli o informazioni sugli approdi più adatti a piccole unità a basso pescaggio. Ne consegue necessariamente che lo stile delle varie proposte è difforme e qualche volta incoerente, ma proprio questo è il punto di forza di questo portolano sui generis. ... Da questa anarchica collaborazione, crediamo di avere selezionato un’informazione a più ampio raggio, sicuramente meno dettagliata di un’opera tecnica, ma certamente con vedute più ampie.



    Abbiamo iniziato per gioco a raccogliere racconti ed esperienze, alla fine ne è venuto fuori un'opera di ampio respiro con 60 racconti scritti a più mani e mappe delle zone visitate. Esperienze ovviamente di piccoli cabinati e catamarani; pance lisce in gran parte con esigenze, ma soprattutto possibilità molto diverse dal consueto che spesso si scontrano con i "consigli" dei portolani. Per noi una zona "pericolo bassi fondali" è quasi sempre un paradiso, un pontile abbandonato un porto e una rada inaccessibile un luogo dove sostare in sicurezza.

    Non contiamo di venderlo, ma distribuirlo liberamente in PDF e forse in una versione elettronica, perché no magari in uno spazio su questo gruppo. Per gli appassionati della carta ne sto preparando una versione in piccolo formato, le nostre barche sono piccole, che verrà stampata su ordinazione.


    Un esempio:

    UVALA ZAKPLOVICA
    Otok Pasman
    Coordinate: 45°53’52” N - 15°27’05” E
    43° 53.844” N - 15°27.079” E


    Piccola insenatura di circa 150 metri di diametro, quasi invisibile dal mare nella punta sud di Pasman, a poche miglia a NO di Pakostane.

    È stata soprannominata da noi la “baia dei grossi scogli”, dopo che per ben due volte è stata teatro di ingressi “oversize”. La prima volta un megayacht, che quasi ci si incastra, tenta un ormeggio con ancora e cime a terra nel lato NO della baia per poi capire che proprio non ci stava e andarsene. La seconda volta, dopo aver dato fondo all’ancora con cime a terra, ci ritroviamo circondati da un motoscafo di 56 piedi e da un catamarano di 60 che ci oscurano il sole.

    Il difetto di questa baia è la eccessiva vicinanza a Biograd, che attira molti escursionisti giornalieri. La sera tuttavia, la baia si svuota.

    Noi ci torniamo sempre, primo perché non è sempre così affollata e secondo perché il ristorantino sul lato sud ha un pontile che sembra fatto apposta per noi.

    L’imboccatura di questa baia è difficile da individuare, il fondale è buono e non ci sono pericoli, ma può capitare che l’ancora si incastri tra gli scogli sul fondo.

    Si può dare fondo sul lato nord, ben protetti dalla bora, oppure prendere una delle tre o quattro boe presenti, tutte su fondali fra i 5 e i 10 metri. Non so se sono a pagamento, sicuramente non di giorno; probabile che a sera, come di consueto, qualcuno passi a chiedere un obolo.

    Le parti nord-ovest e ovest consentono di avvicinarsi a riva, ma bisogna prestare attenzione ad alcuni scogli appena sommersi. C’è anche una microscopica spiaggia di ciottoli.

    Sul lato sud invece, un cane antipatico sorveglia un piccolo ristorante, dove si mangia dell’ottimo pesce, birra fresca e caffè alla turca, no vino, sì a menù parallelo di carne.

    Il pontile del ristorante è adatto a chi pesca poco, massimo 50 cm, ma bisogna comunque prestare attenzione, perché il lato est è vicino agli scogli, mentre il lato ovest ha forse 1 metro di fondo e un po’ più di spazio. Non andate oltre il primo pontile galleggiante, perché il fondo sale immediatamente. Si ormeggia all’inglese, un posto per parte; in testa ci sono 2 trappe, ma molto sottili. Il pontile è mal messo e regge appena il peso di 2/3 persone, anche se appare ben assicurato al fondale. La protezione dalla bora è minima.

    Cenando, abbiamo potuto dormire al pontile e usare i bagni, l’acqua dei quali però è salata, pescata con un tubo direttamente nella baia.

    RIDOSSO: ottimo
    FONDO: buono
    ORMEGGIO: gavitelli o al pontile del ristorante
    BAR - RISTORANTI: Sì
    NEGOZI: no
    impa portolano croazia MdT 124.jpg
     
    A gianfrancomalfatti e Albatros piace questo messaggio.
  2. Ettore

    Ettore Allievo Ufficiale, redattore del diario di bordo

    Bellissima iniziativa da condividere !
     
    A paddy piace questo elemento.
  3. Lupo45acp

    Lupo45acp Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    Ciao Paddy,
    Hai qualche news del release di sto pdf?
    Io aspetterei la versione cartacea..
     
  4. Lupo45acp

    Lupo45acp Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    ...........mi dicono nn sia ancora pronto.......
     
  5. paddy

    paddy Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    Ciao Lupo, ho visto che hai trovato anche il gruppo delle pance lisce ;) Io non partecipo più, ma continuo a leggere.

    Ho ultimato oggi le ultime correzioni, scritto a più mani non è facile mettere d'accordo democraticamente tutti le versioni dei nomi, se croati o italiani, mi ha impegnato molto o_O Ma anche otok e uvala sono state lungamente in discussione.

    Lunedì conto di inviare tutto ad un altro partecipante che stamperà fisicamente il libro.
    Non so se riuscirò a gestire da questo gruppo eventualmente se gli amministratori mi autorizzano vi do il link al forum dove raccoglieranno le prenotazioni.
     
    A Lupo45acp piace questo elemento.
  6. Lupo45acp

    Lupo45acp Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    Ciao Paddy,
    Ho seguito le diatribe che hanno dato origine ad una piccola diaspora in quel forum.
    Peccato, poteva essere una bella occasione per unire il gruppo.. Invece lo ha diviso..
    Forse troppi professori e troppo pochi operatori...

    Continuo a sperare nel release di una versione anche pdf. Son in mare ed ho i miei libri con me nel tab.
    Aspetto comunque, come ho scritto anche di là, la copia stampata. Anzi, due!!
    Una per me ed una per la coppia di amici che a me ha fatto tornar la voglia di star in mare "per conto mio" ed hanno mostrato a Cristina come questo possa esser possibile per essendo delle persone normali e non dei Paperoni..

    Buon vento e cieli azzurri
    Lupo
     
    A paddy piace questo elemento.
  7. paddy

    paddy Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    Già. :oops:
    Tu non hai vissuto le eterne diatribe dei forum, io si, quelle sono piccolezze :rolleyes:
    Credo sia tutto ormai risolto, oggi e domani finiamo di modificare i testi per eliminare come richiesto ogni riferimento alle persone che non gradiscono comparire e poi diamo alle stampe. Ci sarà sicuramente una versione PDF liberamente scaricabile e, se riesco, una html visibile in rete o scaricabile per la consultazione senza connessione.
    Appena pronti vi farò sapere anche qui il link e per chi lo desidera come prenotare la copia cartacea.
     
    A Lupo45acp e dinonicola piace questo messaggio.
  8. Giuly

    Giuly Mozzo che legge e scrive poco

    Bene, aspettiamo con ansia.
     
  9. paddy

    paddy Mezzo Marinaio , scrive ogni tanto

    La versione cartacea è stata stampata e consegnata, anche se forse rimane qualche copia. Il PDF non so che fine abbia fatto, mi informo.
     

Condividi questa Pagina